Facebook aveva provato ad acquistare Snapchat con un'offerta di 3 miliardi di dollari, senza successo. Ieri ha invece ufficializzato l'acquisto di WhatsApp per una cifra che si aggira sui 19 miliardi di dollari, come vi abbiamo raccontato in questo post, che spiega che valore potrà avere per Facebook questa mossa a livello strategico.

Abbiamo voluto analizzare più in profondità i dati dietro a quest'acquisizione, per comprendere il motivo dell'interesse così forte da parte di Zuckerberg per i servizi di instant messaging e in particolare per WhatsApp. L'abbiamo fatto raccogliendo i dati in un'infografica, che aiuta a capire in modo molto semplice quali siano alcuni dei punti chiave dietro a quest'acquisizione.

Infographic - WhatsApp in numbers

Questi servizi sono sempre più popolari tra i ragazzi più giovani, una fascia di utenti molto importante per Facebook, visto il cambiamento in atto relativo al modo in cui interagiscono tra di loro e attivano conversazioni: i servizi di instant messaging sono un territorio privilegiato per loro, e in quest'ottica l'acquisizione assume decisamente senso.

Stesso discorso può essere fatto a livello locale: in alcuni mercati emergenti WhatsApp è più diffuso di Facebook, e anche in Europa il suo impatto è molto forte tra chi utilizza il proprio smartphone per accedere a internet.

Se volete commentare con noi questi numeri, potete farlo qui sotto, tra i commenti, o seguendoci su Twitter e Facebook.

Qui potete trovare infografiche relative all'utilizzo e ai comportamenti su altri canali, che pensiamo possano essere utili a capirne dinamiche e dimensioni, a livello globale e italiano: