VACANZE, QUESTE (DOLCISSIME) SCONOSCIUTE

Con l’inizio di giugno ci avviciniamo pericolosamente a una delle deadline più importanti dell’anno. Alle già fatidiche domande della nonna - “Ti sei laureato/a?” e “Ce l’hai la fidanzata/il fidanzato?” - se ne aggiunge una ancora più nefasta, posta soprattutto da colleghi e amici: “Dove vai in vacanza quest’estate?”.
Se alle prime due riusciamo a tenere testa con un misto di coraggio, sangue freddo e funambolismo estremo, quest’ultima vede formarsi due schieramenti opposti: quelli così previdenti da aver prenotato l’imminente vacanza nel 1997 e quelli che devono ancora decidere perché “Tanto c’è tempo!”.

Il tempo potrà anche non esserci, ma gli strumenti e le fonti di ispirazione per organizzare una vacanza da sogno non mancano di sicuro.   

IL DATO È TRATTO

I principali risultati del sondaggio “Le vacanze degli italiani” a cura di italiani.coop, il portale di ricerca e analisi di Coop, per Robintur, ci dice che, in questo 2018, degli italiani che andranno in vacanza solo il 19% ha scelto di organizzarsi tramite le agenzie di viaggio, mentre uno schiacciante 73% - 7 italiani su 10 - usufruirà dei vari aggregatori e siti dedicati. Il 50% degli intervistati conferma la volontà di recarsi ad affollare le spiagge di tutto il mondo; altri, invece, hanno scelto la cultura e i suoi ambenti urbani (21%) o la natura (11%). A sorpresa, il trend più in crescita rispetto allo scorso anno è quello della vacanza on the road (16%): pochi amici, molte tappe e tutto il gusto della strada!

Per la scelta del volo l'aggregatore più apprezzato in un sondaggio condotto da qualescegliere.it è stato Skyscanner. I parametri selezionati dagli esperti sono stati la semplicità d’uso dell’interfaccia utente e la grande quantità di filtri di ricerca a disposizione.
Per l'alloggio, AirBnB con il suo "fattore sharing" abbraccia anche il concetto di scelta all'ultimo secondo, offrendo all'utente la possibilità di trovare sempre una porta aperta. Così facendo si conferma uno dei tool preferiti dagli italiani per scegliere i propri alloggi sia in Italia che all'estero. La vastissima offerta presente sul network e la possibilità di conoscere gli host arricchendo l'esperienza di viaggio, rendono AirBnB lo strumento ideale per qualunque tipo di necessità.

Siamo in tanti a tenere sott’occhio tutto il mare di possibilità e offerte presenti su questi siti, la vera impresa sembrerebbe solo quella di far combaciare i mezzi con gli alloggi, no? No.

Il viaggio va anche vissuto! Per aiutarci a viverlo al meglio, Google ha recentemente aggiornato uno dei suoi più recenti strumenti di viaggio, Google Trips. Questo utilissimo tool da avere sempre con sé risulta essere estremamente utile: la sua funzione principale è quella di raccogliere tutte le informazioni di viaggio presenti nella nostra casella di posta e organizzarle in una timeline. Proseguendo nel viaggio ci suggerirà, ad esempio, i ristoranti più apprezzati, i punti di interesse più vicini a noi e ci proporrà video e contenuti promossi da blogger che hanno già percorso quell'itinerario.       Risultati immagini per google trips

TRAVEL BLOGGER FANTASTICI E DOVE TROVARLI
E se lo scoglio più grande fosse invece la destinazione? Allora a tutti gli indecisi non resta che tuffarsi tra le onde del web alla ricerca di pareri, consigli e opinioni. Per fortuna, a stimolare la nostra fantasia e a dissipare i nostri dubbi ci pensano loro, i Travel Blogger.         
Instagram - e in parte anche YouTube - diventa sempre più il luogo dove vengono raccontate storie e vengono vissute tramite gli occhi degli altri.
Cerchiamo ispirazione, spunti creativi, esempi da seguire.
Basti pensare che l’hashtag più utilizzato del 2017 è stato proprio #travelgram, termine con il quale vengono etichettati tutti quei contenuti legati al concetto di viaggio. Questo scenario ha cambiato radicalmente il modo di percepire il senso stesso del viaggiare: non lo si fa più soltanto per staccare la spina o scoprire, lo si fa per raccontare. Nascono così i turisti 2.0, quelli che cercano, si lasciano ispirare e in valigia, di fianco alla crema solare, tengono pronta l’action cam. Obiettivo? Storytelling.

Queste possibilità ci hanno trasformati in content creator e aspiranti influencer del viaggio e della sua filosofia: chi non vivrebbe un’esistenza all’insegna dell’avventura?

Facciamo però un passo indietro. Chi sono queste figure da cui traiamo spunti quotidiani?
Il travel vlogger/blogger/influencer è quella professione spesso legata ad affermazioni tipo “Quello/quella che viaggia gratis” o “che è pagato per viaggiare”. Questi professionisti potrebbero essere descritti, per usare le parole di Andrea Petroni, giornalista e travel blogger, come “allo stesso tempo, un SEO copywriter, un fotografo, un video maker, un social media manager, un intrattenitore e un commerciale". Un ottimo punto di vista, no?
Se così non fosse, se queste persone non avessero tutte queste capacità unite a una forte credibilità nei confronti del proprio pubblico, difficilmente riuscirebbero ad ispirarci e influenzarci.

Qui di seguito alcuni dei travel blogger italiani più influenti da seguire per questa estate 2018:
HumanSafari, youtuberinstagrammer, è la guida ideale per gli amanti della strada e del backpacking intorno al mondo;
Manuela Vitulli, instagrammer e blogger, racconta le sue esperienze con scatti mozzafiato, pensieri accattivanti e tanti utili consigli;
Marcello Ascani, su youtubeinstagram, racconta in modo sagace i suoi viaggi e non mancano tips & tricks per ogni genere esperienza;
Marko Morciano, Blogger e instagrammer, racconta dei suoi viaggi urbani tramite la fotografia;
In Viaggio col tubo di Gio e Marti è il canale di una coppia di viaggiatori seriali e su Youtube e Instagram raccontano i loro giri intorno al mondo.

In definitiva, non ci resta che pianificare gli ultimi dettagli, ultimare i preparativi e partire.