Bentornati al #mercoledìsocial: la rubrica che fa il punto sulle news della settimana. Oggi parliamo di TikTok Creator Portal e di Instagram Professional Dashboard, delle Story Pins e delle nuove feature AR annunciate da Pinterest, della virtual reality e della dark mode su Snapchat e, infine, delle novità per LinkedIn.

TikTok Creator Portal

Per creare un contenuto servono pochi click, per essere creator servono passione, dedizione e preparazione. 

Per questo nasce "TikTok Creator Portal, il primo portale sviluppato dalla piattaforma per garantire formazione a chiunque voglia intraprendere questa carriera professionale o semplicemente valorizzare le proprie passioni. 

Questa è solo una delle diverse innovazioni che la piattaforma ha introdotto in questo 2021, come anticipato nel mercoledì social della scorsa settimana.

All’interno dell’hub digitale si potranno trovare approfondimenti di diverso genere: come creare una strategia di canale, come monetizzare le proprie collaborazioni commerciali, community guidelines, valutare e misurare le performance e video tutorial per la creazione di contenuti efficaci, che sfruttino al meglio gli strumenti offerti in app.

Tra le novità, non poteva mancare l’apertura di un canale TikTok dedicato all’iniziativa, dove vengono regolarmente condivisi best practice e consigli.

TikTok Creator Portal, Creator
Fonte: Tik Tok Newsroom

Fonte: TikTok Newsroom

Instagram Professional Dashboard

“È nostro compito offrire ai creator tutti gli strumenti professionali che servono per migliorare la conoscenza delle loro performance e rimanere costantemente aggiornati sulle novità introdotte”, spiega Instagram. 

Instagram Professional Dashboard sarà, quindi, la nuova interfaccia a disposizione dei creator per analizzare gli insight dei propri contenuti, migliorare le performance e accrescere il proprio business grazie a consigli dedicati.

Il monitoraggio delle performance da parte dei creator si conferma un elemento strategico, per conoscere la propria audience e creare contenuti rilevanti.

Instagram “Professional Dashboard”, tool, creator, professional
Fonte: Instagram Business

Fonte: Instagram Business

TIKTOK: Privacy Update

Mentre la piattaforma conferma la sua influenza, portando un pezzo a raggiungere i 100 milioni di stream più velocemente nella storia, le recenti vicende di cronaca italiana chiedono di limitarne l’uso per i minori. 

Il Garante per la protezione dei dati personali ha disposto il blocco per gli account del social, per i quali non sia stata accertata con sicurezza l'età anagrafica. La risposta di TikTok: “Privacy è una priorità, siamo al lavoro per tutelare gli utenti”.

L’Autorità, dunque, ha vietato a TikTok l'ulteriore trattamento dei dati degli utenti “per i quali non vi sia assoluta certezza dell'età e, conseguentemente, del rispetto delle disposizioni collegate al requisito anagrafico" fino al 15 Febbraio.

L’accaduto riprende la segnalazione avviata il 22 Dicembre 2020 dal GDP, dove erano state richiesti a TikTok alcuni chiarimenti, in merito alla procedura di registrazione dei minori di 13 anni. 

Fonti: The Verge, IlSole 24 ore, TechCrunch, Garanteprivacy

Facebook annuncia un comitato per il controllo, Twitter presenta Birdwatch

Dopo gli avvenimenti del mese di gennaio, di cui vi avevamo parlato negli ultimi #mercoledìsocial, questa settimana il Comitato per il controllo, comunica il ban a tempo indefinito per Donald Trump da Facebook e Instagram. Il comitato è un organo di giudizio indipendente, composto da 40 membri da tutto il mondo, che rappresentano un insieme eterogeneo di discipline ed esperienze. Il Comitato per il controllo è stato creato per aiutare Facebook ad affrontare alcune tra le questioni più difficili in merito al tema della libertà di espressione online: cosa rimuovere, cosa lasciare e perché. Un passo necessario, secondo la piattaforma, vista al grandezza raggiunta dalla sua community: oltre 2 miliardi di persone.

Nel frattempo, Twitter affida il ruolo di controllori proprio ai membri della sua community. La piattaforma ha presentato Birdwatch, uno strumento per combattere la disinformazione, migliorando nella qualità e veridicità delle informazioni condivise, grazie all'aiuto degli utenti. Attualmente ancora in roll out solo per alcuni profili selezionati, permetterà segnalare ed aggiungere informazioni e note di contesto ai tweet che risulteranno poco affidabili. Inizialmente questi commenti non saranno visibili direttamente nei post, ma solamente sulla piattaforma dedicata, in forma pubblica. Per rimanere sempre aggiornati sugli sviluppi del progetto, il profilo da seguire è @birdwatch.

Infine, un aggiornamento anche sull'app Parler: vi avevamo raccontato di come nei giorni scorsi l'app fosse stata rimossa dal Google Play Store e dall'Apple App Store e l'intero sito è stato messo offline per la decisione di Amazon AWS di interromperne l'hosting. Questa settimana, il giudice federale ha respinto la denuncia di Parler nei confronti di Amazon Web Servirces, in quanto secondo quanto riscontrato, Parler non possiede i requisiti legali per una ingiunzione preliminare, rallentando di fatto il ritorno online della piattaforma.

Fonte: Facebook, Twitter, CNN Business

Pinterest: AR, stories e AD

Pinterest espande le funzionalità della AR a supporto dei virtual makeup, offrendo la possibilità di provare in app oltre quattromila varianti di prodotti beauty coinvolgendo business partner come: Lancome, YSL, Urban Decay and NYX Cosmetics.

Pinterest, Story Pins, creator
Fonte: TechCrunch

Non è tutto: dopo un beta test a settembre solo su alcuni profili dei creator, Pinterest lancia le Story Pins: un formato simile a quanto già presente nei principali social media, con la differenza che grazie alla funzione Pin non scompariranno dopo 24 ore.

Pinterest, Story Pins, creator
Fonte: Social Media Today

Alle novità so aggiunge anche il nuovo “Dynamic Creative AD process”, che darà la possibilità agli inserzionisti di automatizzare la creazione degli ads e la relativa targetizzazione per campagne sponsorizzate.

Il processo si baserà su come gli utenti interagiranno con l’app e le loro ricerche, così da consentire all’algoritmo di mostrare contenuti sponsorizzati rilevanti a chi ha mostrato interesse verso un determinato prodotto. 

Fonti: Social Media Today, TechCrunch, Social Media Today

Snapchat: Virtual reality e dark mode

Il Covid-19 ha forzato tutti al cambiamento: Snapchat, in risposta, durante il 2020 ha lanciato oltre 15 differenti funzionalità che utilizzano la VR, consentendo agli utenti di provare prodotti di vario genere (come scarpe o beauty), e offrendo la possibilità di scannerizzare il logo del prodotto, per ottenere più informazioni e tutorial di come utilizzarli al meglio.

Ora è inoltre possibile, grazie alla recente acquisizione della strartup StreetCred, visualizzare su Snap Maps contenuti pubblici provenienti da una determinata area geografica e condividere la propria posizione con amici.

Snapchat, Maps, Snap Maps, creators
Fonte: The Wall Street Journal

In parallelo, la piattaforma sta testando su alcuni profili la visualizzazione in “dark mode”, presto su tutti i dispositivi.

Snapchat, dark mode, creator
Fonte: Social Media Today

Fonti: The Wall Street Journal, Social Media Today, TechCrunch

#YouTubeBlack Voices Fund

Mentre aspettiamo l’arrivo del #BlackMonths, di cui vi avevamo già parlato la scorsa settimana, YouTube annuncia i 132 creator, provenienti da U.S., Kenya, U.K., Brasile, Australia, Sud Africa e Nigeria, che riceveranno sostegno dal “#YouTubeBlack Voices Fund”. Il progetto ha lo scopo di garantire lo sviluppo dei loro canali e la creazione di contenuti originali a supporto della causa. 

Nel team sono stati incluse personalità differenti tra di loro: musicisti, influencer beauty, poeti, personal trainer, professori, genitori, fotografi e molto altro.

Youtube, Black Voices Found, creator
Fonte: AdWeek

Fonte: AdWeek

LinkedIn: moderazione delle conversazioni in app e feed

LinkedIn ha introdotto diverse nuove funzionalità, al fine di moderare le conversazioni tra opinion leader e utenti, e organizzare il feed secondo le proprie preferenze, migliorando la qualità e la rilevanza dei contenuti che si intende fruire.

Il “reply control tool” garantirà il controllo di chi potrà interagire con un determinato contenuto.

Linkedin, phone, creator
Fonte: Social Media Today

La funzione “mute”, invece, permetterà di gestire il tipo di contenuti che ogni utente vorrà vedere in feed con più frequenza, scegliendo anche su quali non ricevere aggiornamenti.

Linkedin, phone, creator
Fonte: Social Media Today

In ultimo, per massimizzare l’efficacia dei contenuti pubblicati da altri utenti, sarà possibile iscriversi a newsletter oppure seguire specifici hashtag o influencer. 

Linkedin, phone, creator
Fonte: Social Media Today

Fonte: Social Media Today

Per questo mercoledì è tutto, alla prossima settimana!