I social media sono strumenti di conversazione straordinari quando si tratta di mettere in contatto le persone tra loro e con le marche. Questi strumenti sono sempre più utilizzati dalle aziende, che li integrano nelle proprie attività, sia interne alle imprese che esterne, verso il proprio target.

Jeremiah Owyang, partner di Altimeter Group (una delle aziende di ricerca e consulenza con focus sul social web di riferimento a livello mondiale) ha pubblicato poco fa un report che racconta come le aziende si preparano internamente per il "social business". Noi di We Are Social abbiamo avuto la possibilità di leggerlo in anteprima e vogliamo condividere con voi alcuni spunti molto interessanti.

I risultati sono rilevanti: per le ricerche alla base report, Altimeter Group ha intervistato più di 200 persone addette ai lavori, tra cui 144 social business program manager in grandi società e ha analizzato 50 crisi social media dal 2001 a oggi, con riferimento alla raccolta di casi curata da Jeremiah Owyang.

Come si muovono le aziende?

Dalla ricerca emergono quali siano i temi prioritari per le imprese che investono per "diventare social":

  • Stabilire una governance: vengono definire le "regole" social, destinate all'interno dell'azienda, ma anche verso l'esterno, come ad esempio le policy social media o le regole di ingaggio;
  • Definire un processo per il tempo reale: è importante per le aziende individuare, insieme ai propri partner, un flusso di lavoro che permetta di interagire con la community secondo i tempi delle persone;
  • Stimolare l'apprendimento: le aziende che hanno maggiore efficacia in ambito social sono quelle che diffondono una cultura social tra tutti coloro che partecipano alla conversazione;
  • Organizzare una struttura scalabile: le aziende con l'approccio più avanzato sono quelle che pianificano soluzioni per crescere, internamente e insieme ai propri partner;
  • Prestare attenzione alla fase di preparazione: l'implementazione di tecnologie social funziona efficacemente se viene preceduta da un'analisi delle esigenze dei target e da una definizione strategica che sia coerente con gli obiettivi dell'azienda;
  • Favorire il legame tra CRM e conversazione: le aziende più avanzate iniziano a organizzarsi per associare le identità delle persone che partecipano alla conversazione al database di CRM;

Quali sono gli step fondamentali?

È quindi importante seguire un processo per sviluppare un approccio efficace al social business:

  • Sviluppare gli obiettivi, la strategia;
  • Implementare una governance;
  • Organizzare un team e un piano;
  • Connettere le varie business unit per avere un approccio coerente e univoco;

Insomma, individuare dei processi comuni a tutti i partner (tra cui le agenzie) è sempre più importante.

Dalla ricerca risulta anche che i ruoli del marketing e della comunicazione sono i più rilevanti nella definizione di attività social, con il supporto del Web / Digital

Departments where Formalized Customer Facing Efforts Occur

Lo studio ha anche rilevato che le aziende più preparate a livello social riducono i rischi e sono più efficienti: più del 90% delle aziende organizzate a livello social sostiene di raggiungere i propri obiettivi di business legati a queste attività.

Vi invitiamo a leggere il report di Jeremiah, perché contiene molti dati e insight interessanti e a raccontarci le vostre esperienze questo ambito: quali sono i casi di avvicinamento al social business più interessanti che avete visto o magari vissuto in prima persona in azienda?

Se vi è piaciuto questo post, considerate la possibilità di iscrivervi al blog di We Are Social per essere sempre aggiornati sulle novità riguardo i social media e la conversazione.