Mercoledì Social numero 225. 225 settimane in cui abbiamo condiviso con voi la raccolta di notizie più interessanti legate a comunicazione, marketing e social media. Questo mercoledì non sarà differente, quindi non perdiamo altro tempo, e buona lettura.

 

Instagram introduce Bolt (per ora solo in 3 paesi)
Le indiscrezioni dei giorni scorsi hanno trovato conferma: Instagram ha lanciato Bolt, un'applicazione standalone che punta a competere con Snapchat, Slingshot (di Facebook stesso) e di Taptalk nel territorio delle "ephemeral one-to-one video & photo sharing messaging".

bolt-feature

Per ora l'App è disponibile soltanto in Nuova Zelanda, a Singapore e in Sud Africa, ma nelle prossime settimane - dopo i primi test - sarà diffusa gradualmente anche in altri paesi su iOS e Android.

instagram-bolt

Il suo funzionamento è molto semplice - e non è collegato al login via Facebook o Instagram. Sostanzialmente con Bolt si possono condividere immagini (o video) con i propri contatti attraverso un singolo tap, senza bisogno (né possibilità) di caricare immagini dalla libreria. Una volta ricevuto un messaggio (o meglio, un'immagine/video), la si potrà vedere e poi sparirà per sempre dal nostro dispositivo (proprio come accade per gli altri servizi di questo tipo). Per capire in modo più approfondito di cosa si tratta, potete leggere la descrizione fornita da Techcrunch.

 

Per mandare Messaggi Privati sarà necessario scaricare Facebook Messenger
Quello che invece è certo è che a partire dai prossimi giorni non sarà più possibile usare l'App di Facebook per scambiarsi messaggi privati: se fino a oggi installare Messenger è stato un invito da parte di Facebook, dai prossimi giorni sarà l'unica opzione per mandare messaggi istantanei.

moving-messages

Techcrunch riporta:

“In the next few days, we’re continuing to notify more people that if they want to send and receive Facebook messages, they’ll need to download the Messenger app. As we’ve said, our goal is to focus development efforts on making Messenger the best mobile messaging experience possible and avoid the confusion of having separate Facebook mobile messaging experiences. Messenger is used by more than 200 million people every month, and we’ll keep working to make it an even more engaging way to connect with people.”

Oggi Facebook Messenger è usato da circa 200 milioni di persone (+5 milioni in Italia) che mandano più di 12 miliardi di messaggi ogni giorno attraverso l'applicazione.

 

WhatsApp supera Facebook Messenger
Nel corso degli ultimi mesi abbiamo osservato un importante sorpasso tra le applicazioni di messaggistica istantanea: il 39% di chi accede a internet da dispositivi mobile utilizza WhatsApp, superando così Facebook Messenger, che si assesta al 38%.

Mobile-Messaging-Chart-Blog

Si tratta di un dato molto importante, soprattutto se si considera il volume sempre crescete di persone che usano questo tipo di applicazioni: durante Q2 2014 sono state più di 600 milioni le persone ad aver usato servizi di instant messaging a livello globale (come riportato da Global Web Index nel report GWI Trends: Mobile Messaging Q3 2014).

Non esiste un’applicazione in grado di dominare il mercato a livello globale, e ogni paese ha le proprie specificità sia in termini di tipo di utilizzo che viene fatto dalle persone, sia in termini di penetrazione delle applicazioni stesse. L’Italia è decima, per penetrazione, per quanto riguarda WhatsApp, ad esempio.

GWI - Instant Messaging apps

Qui il report completo.

 

Prenotare Uber attraverso Facebook Messenger?
Facebook sta esplorando nuovi modi per mantenere sulla propria piattaforma persone con diverse esigenze, fornendo loro un beneficio reale nell’utilizzare Facebook Messenger. Come? Ad esempio permettendo agli utenti di prenotare la propria corsa con Uber direttamente dall’app, come riportato da Re/Code.

uber_fb_msg_app
Photo Credits: Vjeran Pavic / Re/Code

Sembra andare in questa direzione l’incontro tra Zuckerberg e Travis Kalanick - CEO di Uber: “Siamo ancora in una fase molto preliminare e lontana da qualsiasi ipotesi di fattibilità reale, ma la direzione di Facebook Messenger dovrà essere questa”, dichiara una persona a conoscenza dei fatti. I responsabili di Facebook e Uber invece non hanno voluto commentare la notizia.

Sembra, in ogni caso, che Zuckerberg stia osservando molto da vicino quello che accade per applicazioni di questo tipo nel mercato asiatico: WeChat permette ai suoi utenti di chiamare un taxi, grazie all’integrazione con un servizio chiamato Didi Dache.

 

Le Mobile Ads generano il 62% delle revenue di Facebook
Pare lontanissimo il giorno in cui Zuckerberg annunciò che Facebook sarebbe dovuta diventare un’azienda sempre più orientata al mobile se avesse voluto continuare a guidare il mercato, continuando ad essere attrattiva sia per gli investitori, sia per nuovi utenti. Sembra un giorno lontano perché secondo il report Facebook Q2 2014 Earnings le revenue sono state di $2.62 miliardi, e il 62% provengono da adv via mobile.

Facebook Now Makes 62% of Its Ad Money in Mobile: What the New Earnings Mean
Fonte: AdAge

Questo è chiaramente dovuto al numero sempre crescente di persone che accedono ogni mese e ogni giorno alla piattaforma da mobile app (sia tablet sia smartphone): il 30% degli utenti accede a Facebook soltanto via tablet o smartphone.

Facebook Now Makes 62% of Its Ad Money in Mobile: What the New Earnings Mean
Fonte: AdAge

Facebook dichiara oggi 829 milioni di utenti attivi ogni giorno, e l’Asia guida la crescita in termini di nuove persone registrate su base giornaliera: potete trovare il dettaglio del Q2 2014 Earnings Report qui.

 

Twitter ha ora 271M di utenti attivi al mese
Si tratta del 24% in più rispetto a 12 mesi fa, con una crescita costante a livello globale (+21% negli USA). La crescita è ancora più interessante se si osservano i valori relativi all'ultimo quadrimestre, durante il quale l'incremento è stato di 16M di utenti attivi. Altro dato molto importante riguarda le persone che accedono da dispositivi mobile: 211M, il 78% tra tutti gli utenti attivi.

twitter

Questi numeri spiegano molto bene il motivo per cui ben l'81% delle revenue provengano da mobile advertising (le revenue durante Q2 sono incrementate del 124% rispetto a 1 anno fa - in Q2 2013 erano di $139.3 milioni, ieri è stato dichiarato un valore di $312 milioni (qui trovate il report completo).

I dati diffusi da Twitter hanno superato le aspettative degli investitori, come riporta Business Insider:

Revenue: $312 milioni contro i $283.7 attesi
EPS: $0.02 contro -$0.01
Utenti attivi al mese: 271 milioni contro 267 milioni attesi
Q3 Revenue: $330/340 milioni contro $324

 

Il 75% delle condivisioni effettuate da Twitter e Pinterest avvengono via mobile
Qualche settimana fa ComScore ha dichiarato che - in US - le persone spendono più di metà del proprio tempo usando applicazioni mobile, ma un altro dato molto interessante è fornito da ShareThis: la condivisione di contenuti da device mobile è cresciuta del 27.8% durante gli ultimi 3 mesi, mentre quella da desktop è diminuita del 5.5%.

Mobile Sharing Growth Continues with Pinterest and Twitter Leading the Way

Il report di ShareThis analizza poi nel dettaglio le condivisioni dai singoli canali social: quelle relative a Facebook sono distribuite piuttosto equamente tra smartphone (44%) e desktop (46%), mentre Twitter e Pinterest sono completamente sbilanciati su azioni compiute via smartphone (su Twitter il 63% delle condivisioni avviene via smartphone; su Pinterest solo il 25% avviene via desktop, mentre il 52% sono via smartphone).

Mobile Sharing Growth Continues with Pinterest and Twitter Leading the Way

Potete trovare maggiori dettagli, come la tipologia di contenuti condivisi, o un approfondimento sui sistemi operativi più utilizzati leggendo il report completo da qui.