Una piattaforma con alcune caratteristiche molto diverse dalle altre. Stiamo parlando di Snapchat che, come confermato la scorsa settimana, ha raggiunto 10 miliardi di visualizzazioni giornaliere per i propri contenuti. Numeri impressionanti che ribadiscono – se necessario – l’enorme interesse delle persone. Ma qual è il quadro in Italia?

Non solo teens. Secondo gli ultimi dati relativi al Q4 2015, sono 673.000 le persone che utilizzano Snapchat in Italia. Una base utenti che rappresenta il 2,3% della popolazione internet del nostro Paese. Dal punto di vista anagrafico, il cluster più rappresentativo è sicuramente quello 16-24 (61%) anche se in ottica content marketing non è assolutamente da sottovalutare il 22% costituito dal gruppo 25-34. Non ci sono invece differenze sostanziali in termini di genere, con un leggero vantaggio degli uomini (60%) rispetto alle donne (40%).

Snapchat_Italia_utenti

Messaggi prima di tutto. Già nelle scorse settimane vi avevamo parlato dell’enorme potenziale delle piattaforme di messaging. Anche su Snapchat l’azione principale che spinge gli utenti a utilizzare l’app è inviare messaggi ai propri Amici (56%). Il lancio di Chat 2.0 avvenuto lo scorso 29 marzo è sicuramente uno stimolo ulteriore, grazie alla possibilità di video chattare e mandare messaggi vocali ai contatti in modo semplice e veloce. Da tenere particolarmente monitorato invece il dato relativo alle persone che seguono i brand (19%): un piccolo campanello d’allarme, che sottolinea come la tipologia di contenuti pubblicati sia di vitale importanza in ottica di fruizione da parte del pubblico di riferimento. I post percepiti come commerciali infatti vengono penalizzati dagli utenti, che prediligono invece Snap genuini e vicini alle proprie esigenze.

Snapchat_Italia_azioni_utenti

Brand, quali sono le opportunità. Snapchat rappresenta quindi un punto di contatto molto interessante tra le marche e le persone. L’apertura di un presidio sulla piattaforma infatti permette ai brand di avere a disposizione un ulteriore canale innovativo al servizio della propria comunicazione.

Premessa d’obbligo dedicata ai teens. La piattaforma è, in questo momento, una delle più indicate per parlare a questo target, grazie alla tipologia di contenuti proposti e alla modalità con la quale vengono consumati. Importante dunque tenere in considerazione Snapchat nel momento in cui si costruisce un ecosistema social per la propria marca se si hanno obiettivi di coinvolgimento di questa audience specifica.

La piattaforma inoltre garantisce un rapporto intimo e spontaneo con gli utenti, sia da un punto di vista visivo che contenutistico. Il social network di Los Angeles inoltre si differenzia in termini di fruizione editoriale, garantendo uno storytelling fluido e divertente. Le Storie confezionate, ad esempio, in occasione di giornate speciali o eventi possono essere consumate in modo completo, senza ‘interruzioni’ dovute a contenuti di altri brand o amici (con la possibilità di skippare una parte di Storia attraverso un semplice tap).

Un dialogo semplice e diretto, con un obiettivo chiaro: costruire un legame ancora più forte e genuino tra brand e persone.  Snap dopo Snap.